E’ scomparso l’ultimo vice rais di Bonagia (TP)

Print

Anche Ciccio Rizzo, l’ultimo “suttarais” (in tonnara non si usava il termine “vice”) di Bonagia, ci ha lasciato. Aveva … no, i pescatori, i tonnaroti, non hanno età, per secoli si sono succeduti sulle muciare ereditando il sapere e la bravura di chi li aveva preceduti, pronti a trasmetterli a chi sarebbe venuto dopo di loro. Ciccio Rizzo era anziano, e quasi tutta la sua vita l’ha passata sul mare davanti alla torre di Bonagia che nella stagione dei tonni regalava un po’ d’ombra agli uomini stanchi di trasportare ancore e reti e pesci.

Per tanti anni è stato il vice del rais Mommo Solina, il suo braccio destro quando c’era da preparare cavi e galleggianti, varare i vascelli, calare le reti. Sulla sua “muciaredda” guidava il calo di sopravento, l’amico e sodale Mommo con la sua “muciara” comandava il calo sottovento, erano separati da sessanta metri di mare ma per capirsi bastava uno sguardo, un cenno del braccio, e reti e cavi scendevano dritti verso il fondale, pronti a catturare i tonni che di lì a poco sarebbero arrivati a fare ricca la borgata.

Quando si faceva mattanza Ciccio Rizzo guardava con lo specchio d’acqua pronto a scorgere il minimo riflesso dei tonni che passavano rasente al fondo aspettando il grido del rais “a ttia vennu”, stanno arrivando, ed era quasi sempre lui a dare l’ordine di alzare le porte di rete della camera della morte, “Isaaaa!”. Un giorno fece “levare”, catturare, 700 tonni tutti in una volta. Quando i pesci erano ormai rinchiusi e da levante i tonnaroti intonavano “ajamola” Ciccio indossava il sudovest che lo avrebbe protetto dagli spruzzi e sovrintendeva agli “stagghi”, ultima tappa della rete che veniva su dall’abisso portando a galla i tonni impazziti. Poi, alla fine della mattanza, guardava il rais Solina e si sorridevano. Senza dire una parola. Felici.

Uomini di mare, veri. Sinceri e generosi. Ciccio Rizzo lo ricordo sempre paziente, bonario, seduto sulla poppa della sua barca in attesa degli uomini della ciurma. Mai un grido, un rimprovero. Fonte inesauribile di conoscenza per studiosi e turisti che venivano affettuosamente ospitati sulla “muciaredda”. Con lui se ne va un’altra parte della memoria di un mondo ormai consegnato al passato.

 

Print

3 risposte a E’ scomparso l’ultimo vice rais di Bonagia (TP)

  • edgardo scrive:

    un saluto affettuoso da chi ama il mare e apprezza chi ha lavorato tutta la vita nell’elemento a noi piu’ congeniale !!!!

  • edgardo scrive:

    un saluto da chi ama il mare come Ciccio Rizzo !!!!!

    • Giuseppe scrive:

      Ci saranno sempre ( per fortuna ) uomini che amano il mare; ma purtroppo lui apparteneva ad un mondo che ormai è scomparso oppure sta scomparendo.
      Ormai sempre più pochi sanno delle tonnare e possono parlare del mondo delle tonnare

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Translator
Italiano flagInglese flagFrancese flagTedesco flagSpagnolo flag                                          
Collabora
Cosedimare è un portale culturale senza fini di lucro. Se vuoi contribuire con un articolo, un reportage fotografico, un comunicato stampa, ecc. scrivi a: info@cosedimare.com
La Colombaia Trapani

San Vito Lo Capo

Castelluzzo: mare e campagna