Il tonno ha gli occhi a mandorla

Print

Ogni anno, tra primavera ed estate, al progressivo riscaldarsi delle acque, sotto la spinta delle inderogabili leggi della natura moltitudini di pesci possenti attraversano il Mediterraneo. Dopo un viaggio di migliaia di chilometri i grandi tonni si radunano per deporre le uova. Ma ad attenderli nelle aree di riproduzione da qualche decina di anni in qua trovano una flotta di imbarcazioni dotate di tecnologie e mezzi degni di un conflitto navale, ed è una guerra alla quale i pesci vanno incontro senza speranza. I popoli che hanno abitato le rive del Mediterraneo da sempre hanno conosciuto le rotte migratorie dei tonni e sulla loro strada hanno posto per millenni il solo mezzo che fino a qualche anno fa permetteva catture industriali di questo pesce, le tonnare.

I progressi nelle conoscenze della biologia del tonno, quelli nel campo dei materiali e delle attrezzature da pesca, l’applicazione in questo settore di tecnologie sempre più sofisticate ed inesorabilmente precise e, non ultima, la crescente richiesta di questo pesce su un mercato diventato ormai mondiale, e di conseguenza l’impennata del prezzo, hanno totalmente rivoluzionato le tecniche di cattura e cancellato secoli di storia e tradizione. Oggi la pesca avviene nelle aree riproduttive in alto mare e sulle coste dove una volta sorgevano gli impianti fissi non arrivano praticamente più pesci, così che i pochissimi che la sorte porta a passare non giustificano i costi delle tonnare. Non si aspetta più con trepidazione il transito dei tonni lungo le antiche rotte costiere ma i branchi vengono individuati già a centinaia di miglia al largo dagli aerei che fanno da vedetta e da guida alle imbarcazioni da pesca. Non ci sono più i rais che con fatica contano ad uno ad uno i tonni intrappolati guardandoli dalla superficie con lo “specchio” ma sonar di spietata precisione capaci di riportare sullo schermo il numero dei pesci presenti in un branco, le dimensioni, il peso ed ogni altro dato utile. Non si sentono più i canti e le nenie dei tonnaroti ma il rumore degli argani, dei verricelli e dei motori potenti e veloci delle “tonnare volanti” che calano e tirano in pochi minuti reti da circuizione più grandi del Colosseo.

La grande novità degli ultimi anni è stata l’avvento degli allevamenti di tonni, sorti ormai in quasi tutti i paesi rivieraschi del Mediterraneo. Il termine allevamento è però improprio perché i pesci, esemplari adulti pescati dalle tonnare volanti e subito trasferiti dentro grandi gabbie galleggianti, non vengono allevati nel senso tradizionale ma soltanto mantenuti vivi, e parzialmente ingrassati, solo per tre o quattro mesi e poi pescati in un periodo in cui il mercato è più favorevole. Dietro questo business ci sono i più grandi divoratori di pesce al mondo, i giapponesi, che per il tonno mediterraneo sono disposti a pagare cifre folli (al dettaglio in Giappone questo pesce raggiunge anche il prezzo di 800 euro il chilo), cosa che ha ovviamente stravolto tutte le regole. Nel periodo di pesca il Mediterraneo è solcato da tonnare volanti, da rimorchiatori che trascinano gabbie e da imbarcazioni appoggio cariche di sommozzatori provenienti da Spagna, Francia, Italia, Croazia, Malta, Grecia, Turchia, Corea, Giappone che, sotto la spinta degli yen, fanno a gara, si scontrano e litigano per arrivare sulle zone migliori o per caricare per primi le gabbie. Dentro le quote-pesca comunitarie si trovano compressi sempre più Paesi, società ed interessi, ed in questa che è solo l’ultima delle tante corse all’oro avvenute sulla pelle di una specie vivente da trasformare in denaro è facile prevedere una fine che coinciderà con l’ennesima estinzione.

Si dirà che questa è la naturale evoluzione della pesca del tonno, iniziata con le tonnare e finita col sushi, che le leggi del mercato impongono nuovi mezzi e nuovi orizzonti, che il progresso non si può fermare (e neanche gli affari). Il solo dato certo è che ci stiamo vendendo un patrimonio comune di noi popoli mediterranei, un bene millenario che fa parte del nostro bagaglio culturale. Ad un prezzo ottimo, ma lo stiamo vendendo, per sempre.

 

Dario Lopes

Print

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Translator
Italiano flagInglese flagFrancese flagTedesco flagSpagnolo flag                                          
Collabora
Cosedimare è un portale culturale senza fini di lucro. Se vuoi contribuire con un articolo, un reportage fotografico, un comunicato stampa, ecc. scrivi a: info@cosedimare.com
La Colombaia Trapani

San Vito Lo Capo

Castelluzzo: mare e campagna