Il posto più vicino dove incontrare balenottere, capodogli e delfini: crociere-studio di Tethys nel mar Ligure

Print

Come intervenire per la tutela dei nostri mari senza andare in capo al mondo? Con una vacanza indimenticabile al fianco dei ricercatori che studiano i mammiferi marini del Mediterraneo

Tra tutti gli ambienti sfruttati dall’uomo, il mare è quello che sfugge maggiormente al nostro controllo: è così vasto che abbiamo la falsa impressione che nulla possa minacciarlo. Ma non è così: anche l’ambiente marino necessita di essere maggiormente tutelato se vogliamo che il nostro pianeta abbia un futuro. Molti di noi vorrebbero fare qualcosa per una maggior tutela dei mari. Ma come fare senza essere ricercatori?

Con l’aiuto di alleati d’eccezione, balene e delfini che, essendo in cima alla catena alimentare, possono fornirci preziose indicazioni sullo stato di salute del mare. Questo vale per il Mediterraneo in particolare; relativamente piccolo, chiuso, e dalle coste molto popolate dall’uomo, è l’osservatorio ideale di un ecosistema marino.

Impegnandoci per conoscere sempre meglio i cetacei possiamo veramente tutelare anche il loro e nostro ambiente. Questa è la “filosofia” di Tethys da oltre 25 anni, da quando cioè ha cominciato a fare ricerca scientifica su balenottere, capodogli e delfini del Mediterraneo – ricerche che hanno dato dei frutti sotto forma di risultati scientifici e di conservazione, oltre che alla sensibilizzazione del pubblico.

Proprio sulla base dei dati raccolti da Tethys è stato istituito il Santuario Pelagos, primo del suo genere per la tutela dei mammiferi marini. Certo, molto resta ancora da fare, ed è per questo che anche quest’anno l’Istituto condurrà le crociere nel mar Ligure aperte a volontari, che l’hanno reso noto presso tutti gli appassionati.

Le crociere, a bordo del motorsailer di 21 metri “Pelagos”, si concentreranno proprio nella zona più importante del Mediterraneo per i cetacei. Ai partecipanti non si richiedono competenze specifiche; l’aiuto a bordo dei volontari è indispensabile per la raccolta dati prevista dai ricercatori, mentre la quota di partecipazione è quello che consente di sponsorizzare le attività. Per gli studenti sono previsti turni speciali validi come crediti formativi a tariffe agevolate.

I campi si apriranno quest’anno in maggio e comprenderanno la raccolta di dati sulle balenottere comuni, che in estate si concentrano nelle acque del Santuario per nutrirsi di minuscoli gamberetti, sui capodogli, sempre più abbondanti, e su diverse specie di delfini sia costieri che pelagici.

Un’esperienza unica e preziosa per chiunque ami il mare, una vacanza nella natura che richiede solo entusiasmo, spirito di gruppo e voglia di avvicinarsi ai mammiferi marini dei nostri mari e di fare qualcosa di concreto per la loro salvaguardia . Per gli studenti rappresenta una preziosa esperienza formativa a contatto con biologi esperti e apparecchiature sofisticate.

Nel 2012 i campi in Mar Ligure, con partenza da Sanremo iniziano il 14 maggio e hanno la durata di 6 giorni. Il costo varia da 840 a 940 Euro, a seconda del periodo scelto, e include vitto e alloggio. Sconti speciali sono previsti per gli studenti universitari sotto i 26 anni. La partecipazione può valere come credito formativo.

 

Print

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Translator
Italiano flagInglese flagFrancese flagTedesco flagSpagnolo flag                                          
Collabora
Cosedimare è un portale culturale senza fini di lucro. Se vuoi contribuire con un articolo, un reportage fotografico, un comunicato stampa, ecc. scrivi a: info@cosedimare.com
La Colombaia Trapani

San Vito Lo Capo

Castelluzzo: mare e campagna